Categoria: Senza categoria

Articoli riguardanti: Senza categoria

Abarth 595: per lei piccoli aggiornamenti

La piccola “bomba” Abarth 595, con il suo motore turbo fino a 180 CV, ha nuovi colori e uno scarico più “educato”.
abarth-595-2018-09_04

UN MOTORE, QUATTRO POTENZE – Sarà negli autosaloni dal 15 settembre 2018 la versione rinnovata dell’Abarth 595, la citycar basata sulla Fiat 500 che invoglia a “pennellare” le curve grazie all’assetto ribassato e alle sospensioni irrigidite. Gli aggiornamenti rispetto al vecchio modello interessano principalmente il motore a benzina turbo 1.4 T-Jet, sempre disponibile in quattro livelli di potenza (145, 160, 165 e 180 CV) ma ora adeguato per rispettare la nuova normativa anti-inquinamento Euro 6d-Temp. Sono nuove per l’Abarth 595 2018 anche le vernici verde Adrenalina (per gli allestimenti Competizione e Pista), grigio Asfalto (per la Turismo) e lo scarico sportivo Record Monza, ora regolabile dall’interno in funzione del sound voluto: premendo il tasto Sport è possibile renderlo meno o più vibrante. Prima invece cioè avveniva automaticamente alla pressione dell’acceleratore.

download

Tante iniziative attorno alla gara di domenica, in memoria di Marchionne, con Al Bano e un occhio al futuro: si punta al record di presenze con oltre 186mila spettatori.

C’è la rimonta Ferrari per il mondiale e la voglia di vittoria “in casa” per onorare la memoria di Sergio Marchionne. E’ il centenario della nascita di Alberto Ascari, quest’anno scelto come simbolo e tributo alla storia di Monza. Poi l’evento sportivo italiano più famoso al mondo che sarà sottolineato dal passaggio delle Frecce Tricolori sul rettilineo prima della partenza della gara di domenica e l’inno nazionale cantato da Al Bano. E ancora le Formula 1 in città, a Milano, con il circuito cittadino allestito alla Darsena dove mercoledì Vettel e Raikkonen assieme a Leclerc ed Ericsson si esibiranno tra il pubblico con le loro monoposto. E pure a Venezia, con un gemellaggio inedito all’insegna dello spettacolo: quello del grande schermo al Festival del cinema e quello del motorsport all’Autodromo Nazionale. Quindi il futuro di un appuntamento storico per gli appassionati di motori, con la trattativa in [...]

La Formula 1 nel cuore di Milano: tutti in Darsena a vedere sfrecciare le Ferrari

Da mercoledì il "F1 Milan Festival": dopo Londra, Shanghai e Marsiglia la città ospita per la prima volta la "tre giorni" dedicata ai motori in vista del Gp di Monza

ferrari-piazza-affari-ape10ferrari-piazza-affari-ape10

Sarà una prima assoluta: la Formula 1 nel cuore di Milano. L’appuntamento è per mercoledì 29 agosto, in Darsena, a pochi giorni dal gran premio di Monza. Un festival dei motori mai visto prima: l’evento, realizzato con il patrocinio del Comune in associazione con l’ACI, avrà il suo momento clou sul mini-circuito allestito per l’occasione nella zona della movida milanese. La pista, che da Piazza XXIV Maggio arriva a piazza Cantore, verrà testata e aperta da una safety car, prima di scatenare le moderne monoposto. Quelle vere, con tanto di piloti veri. Dalle Ferrari di Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen alle Sauber di Marcus Ericsson e Charles Leclerc. Tutti a mettersi alla prova prima di farlo, per [...]

noleggio-operativo_noleggio_1412323906

Il noleggio inquina meno, molto meno del resto del parco circolante italiano, grazie al fatto che la sua flotta (sia breve che lungo termine) è composta per l’87% da vetture Euro6, con una minoranza residua che risponde alla normativa Euro5. Tutte auto di ultima generazione, che dispongono degli accorgimenti tecnologici per limitare al minimo l’impatto degli scarichi nell’aria, dal filtro anti-particolato al common rail. È quanto riporta un’analisi del Centro Studi Fleet&Mobility per Aniasa, l’associazione dei noleggiatori, presentata a Milano.

Come noto, gli scarichi delle auto emettono varie sostanze inquinanti, regolamentate in misura diversa. Il monossido di carbonio (CO) delle vetture a noleggio risulta inferiore rispetto alla media delle altre macchine in circolazione del 58 e del 37%, rispettivamente per i motori a benzina e diesel, attestandosi sul valore di u grammo/km per i primi e 0,5 per i secondi. Le emissioni di ossido di azoto (NOx) sono invece circa la metà, -52 e -47%, [...]

a9ce4b51e89f4abf901523725309ffc8-U201334532576bcE–835×437@IlSole24Ore-Web

Nell’industria dall’auto ci sono sempre stati due tipi di leader: i car guys, quelli che vivono di macchine e per le macchine e i manager della finanza, quelli per i quali conta solo l’ultima riga del bilancio. Marchionne è stato, mirabilmente, tutti e due. Un manager che ha preso due aziende al collasso e le ha fuse in un gruppo multinazionale sano economicamente e con una prospettiva di sviluppo seria per i prossimi anni. Già perché Sergio Marchionne negli anni ha smesso di interpretare l’auto solo come un banale prodotto da vendere con il più alto margine per far star in piedi le fabbriche e dare valore agli azionisti e questo senza curarsi del valore del brand, del design, della qualità. Valori questi sempre inseguiti dai car guys.

Il creatore di Fiat Chrysler, l’uomo del grande accordo con Obama, è stato un grande pragmatico e forse nei primi anni la passione per l’auto e i [...]

youtester-2018-teaser

Quante volte avete sognato di poter vivere la vita del tester. Provare auto da sogno, viaggiare nei posti più esotici e importanti, in quei circuiti da leggenda che vi hanno fatto sognare da bambini, o tra le strade più importanti del globo. Quante volte avete visto un video di Andrea a bordo di una Porsche, di Giuliano intento in un traverso a bordo di una Giulia Quadrifoglio, o di Adriano, intento ad affrontare le curve del Nordshleife. Fare la nostra vita è dura, impegnativa è vero. Eppure, come un canto delle sirene, ammalia chi, nel proprio animo, ama più il rombo di un V12 che la propria famiglia. E poi c’è quel fascino della comunicazione, del voler analizzare, informare, studiare, capire. Velocità, motori e comunicazione: due mondi che vivono in un unica figura: il tester.Già, ma come si può diventare tester? Come diventare i nuovi Giuliano, Andrea, Lorenzo, Massimo o Adriano? Oggi vi offriamo una chance, un’occasione più [...]

Cristiano Ronaldo ha un vero debole per le auto di lusso. Ne possiede almeno una ventina per un valore che sfiora i 10 milioni. E una volta Messi gli soffiò una Ferrari del 1957. Su Cristiano Ronaldo calciatore si sa ormai tutto. Nell’era dei social network, dove tutti siamo abituati a condividere la nostra vita con gli altri, non è difficile scoprire anche le sue passioni fuori dal campo.

Auto di lusso, la passione di Cristiano Ronaldo

Di lui si sa che è appassionato di poker, texas hold’em e bingo, il suo colore preferito è il bianco – poteva essere altrimenti? – adora mangiare il bacalhau a braz preparato dalla mamma e farebbe follie per Angelina Jolie, ma Cristiano Ronaldo è anche e soprattutto un accanito collezionista di auto di lusso.

CR7, un “garage” da quasi 10 milioni di euro

Non si sa con esattezza quante auto possieda Cristiano Ronaldo, ma si calcola che siano almeno una ventina, fra Porsche e Ferrari, Maserati [...]

Noleggio a lungo termine: un trend in crescita

Aziende, e anche privati credono nei vantaggi offerti da questa forma alternativa all’acquisto dell’auto.
arval_1

 

UN SETTORE IN CRESCITA. FORTE – In Italia da gennaio ad aprile 2018 sono state 109.468 le auto immatricolate a società di noleggio a lungo termine, con un aumento del 16,1% rispetto allo steso periodo del 2017 (fonte Unrae). Un buon aumento che a fine anno potrebbe essere ancora più elevato, visto che ad aprile la variazione in crescita è stata del 23,1%, con 24.328 auto immatricolate nel mese. Una tendenza molto chiara che ha diverse spiegazioni. Da un lato conta la ripresa in atto delle attività economiche, dall’altra la disponibilità a questa forma di acquisizione dell’auto da parte del privato, cioè della famiglia. Finora il singolo automobilista si è sempre dimostrato molto restio a optare per forme di acquisizione dell’auto diversa dalla proprietà vera e propria. Da qualche tempo, anche grazie alle condizioni più allettanti proposte dalle società specializzate in questo campo, il mercato comincia a “muoversi”.

IMPEGNO PER LE AZIENDE – Ciò detto, non c’è [...]

AUTONOLEGGIO

Non più solo aziende, i privati sono 30 mila

16689214063_459a1c92c6_b-1024×48316689214063_459a1c92c6_b-1024×483

Sono più 30 mila gli automobilisti italiani che hanno abbandonato l’auto di proprietà per affidarsi al noleggio “tutto incluso” a fronte di un costo fisso. Non solo. Un italiano su quattro conosce la formula del noleggio a lungo termine e ben il 40% si dice pronto a sperimentarlo. È questa, in sintesi, la fotografia dell’Nlt tra i “normali” consumatori scattata da Aniasa, l’Associazione dell’autonoleggio e dei servizi automobilistici e dalla società di consulenza Bain & Company, presentata martedì scorso a Milano.

È cambiato lo scenario. Lo studio è partito dall’analisi dello scenario del mercato automotive, colpito negli ultimi dieci anni da una profonda crisi, e oggi tornato a quota 2 milioni di immatricolazioni, a seguito di [...]

L’AFFERMAZIONE DELLA TELEMATICA IN ITALIA

Sono sempre di più i fleet manager che attrezzano la loro flotta con soluzioni GPS. Tra le ragioni primarie c’è garantire la sicurezza dei propri mezzi.

affermazione_telematica_italiaaffermazione_telematica_italia

Secondo i dati del Barometro delle Flotte Aziendali 2017 di Arval1, l’adozione di strumenti telematici da parte dei gestori delle flotte italiane è in crescita e registra un risultato sostanzialmente in linea con quello europeo: sono infatti il 16% i fleet manager del nostro Paese che si affidano a soluzioni hi-tech per la gestione delle proprie flotte (in Europa la percentuale arriva al 20%).
Si tratta di un dato in controtendenza rispetto alle ricerche condotte negli anni precedenti, che mostravano come l’adozione di supporti tecnologici da parte dei fleet manager italiani fosse inferiore rispetto alla media europea.
In dettaglio, oggi l’utilizzo della telematica in Italia è maggiormente diffuso nelle grandi flotte con oltre 50 veicoli (35%), seguito da quelle medie che possiedono tra 10 e [...]

Back to top