Blog

Ultime Notizie da RentalPlus

MILLE MIGLIA 2018: L’ANNO DELLE ALFA ROMEO

Tre Alfa Romeo ai primi tre posti di questa edizione 2018. Dietro a Tonconogy-Ruffini gli specialisti della regolarità Moceri-Bonetti e Vesco-Guerini.

mille-miglia-2018-tappa-finale_14

I VINCITORI E GLI ALTRI – Per la terza volta dopo i successi del 2013 e 2015, gli argentini Juan Tonconogy e Barbara Ruffini (nella foto qui sopra) hanno vinto la Mille Miglia 2018, gara di regolarità dove vince, non chi va più forte, ma chi è più regolare nel rispetto dei tempi di percorrenza stabiliti per le varie delle tappe. Hanno vinto con una Alfa Romeo 6C 1500 GS “Testa Fissa” del 1933, messa loro a disposizione dal museo di Arese della casa. I due hanno vinto con 74.108 punti, 394 di più dei secondi classificati Giovanni Moceri e Andrea Guerini, su Alfa Romeo 6C 1500 SS del 1928. Al terzo posto Andrea Vesco e Andrea Guerini, su Alfa Romeo 6C 1750 SS Zagato del 1929, con 781 punti in meno rispetto i vincitori. Seguono Fontanella-Covelli (Lancia Lambda Serie VII carrozzata Casaro, del 1927), Belometti-Vavassori (Lancia Lambda serie VIII Casaro del 1929), Erejomovich-Llanos (Bugatti T40 del 1929), Cibaldi-Costa (Gilco Marian Fiat 1100 Sport del 1948), Crugnola-Vida (Rally ABC 1100 del 1928), Turelli-Turelli (OM 665 S TT Superba 2000 del 1929), Houtkamp-Houtkamp (Lancia Lambda Serie VII del 1928). Dei 450 equipaggi ammessi al Via!, 371 figurano nella classifica finale. Per la cronaca, ultimi risultano i giapponesi Norihisa e Megumi Morita su Bugatti T40. 73 sono stati gli abbandoni.

mille-miglia-2018-tappa-finale_01

GRANDE PUBBLICO – Grazie alla giornata prefestiva, l’ultima tappa della Mille Miglia 2018 – da Parma a Brescia, passando per Milano –  si è svolta in mezzo due ali di folla, sia per le strade cittadine che fuori città. E nei due passaggi clou della giornata, quello al museo Alfa Romeo di Arese e all’autodromo di Monza il pubblico è stato ancora più numeroso. Alla pista di Monza gli appassionati hanno potuto vedere con calma le “storiche” protagoniste della Mille Miglia. Nell’impianto brianzolo si sono svolte 10 prove di precisione, sulle 14 previste nella giornata. In pratica i momenti agonistici (le prove contro il cronometro) si sono infatti conclusi proprio a Monza. Da lì a Brescia le auto si sono mosse senza impegni, sino al controllo orario di Brescia.

mille-miglia-2018-tappa-finale_06

FINALE IN AUTODROMO – I vincitori Tonconogy-Ruffini hanno affrontato l’ultima frazione  da leader Alla partenza a Parma vantavano infatti un vantaggio di 1.200 punti sui secondi Moceri-Bonetti, e nelle prove di precisione disputate nella giornata (ad Arese, nell’ambito del museo Alfa Romeo) e a Monza, all’autodromo, hanno dovuto arginare gli ultimi attacchi portati dai più vicini inseguitori. Soprattutto Vesco-Guerini sono sembrati minacciosi: sono stati infatti i migliori in due prove, mentre Moceri-Bonetti non sono mai stati i più precisi di tutti. Ma non è mancata loro la regolarità, tant’è che i punti di distacco sono andati calando progressivamente, appunto sino ai 394 della classifica finale della Mille Miglia 2018. Da sottolineare che l’ultima prova disputata, la numero 112, ha visto Gianni Morandi realizzare il miglior risultato. Un risultato da incorniciare come… un disco d’oro. Nella classifica finale il cantante risulta all’85esima posizione, mentre il suo collega Piero Pelù ha finito 139esimo.

Fonte: www.alvolante.it

Leave comments

Your email address will not be published.*



You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Back to top